Venom il film recensione

Come penso sappiate già, sono una fan (ma non una nerd) dei fumetti Marvel, in particolar modo di Spider-Man, quindi è abbastanza scontato che mi piaccia il suo antagonista per eccellenza.

Signore e signori diamo il benvenuto a:

Venom, trailer e recensine

Sono andata a vedere il film con il mio ragazzo, sicura che la storia su pellicola non mi sarebbe piaciuta manco per il C****. Temevo, ovviamente, le differenze che per forza di cose, ci sarebbero dovute essere tra i fumetti dove Venom è antagonista di Spider-man e il film dove Venom è protagonista e antieroe. 

venom

Nonostante le solite rimescolate e qualche elemento nuovo, la trama funziona. Per certi versi si discosta da quello che sono i classici film tratti dai fumetti. Infatti il nostro protagonista è l’antieroe, la sua decisione di salvare la Terra nasce principalmente dall’egoismo. Mentre il cattivo (umano) di turno, è un po’ il signor “Osborn” della situazione. Miliardario, visionario che tenta in tutti i modi di creare dei super uomini. Principalmente lo scopo era di curare il cancro, così dicono nel film, poi le cose, come sempre accade quando c’è di mezzo il potere, peggiorano. Ed ecco che subentra anche il super cattivo (simbionte) che vuole conquistare il pianeta Terra, facendo venire i simbionti da un altro pianeta.

Ora questa cosa è un po’ “na stronzata” (come si direbbe a Roma), visto che i simbionti non sopravvivono nella nostra atmosfera e non sono sempre compatibili con la razza umana, perciò farli venire qui mi sembra un suicidio di massa. Tutto sommato il film di Venom è più che godibile.

Ho sentito un sacco di recensioni del c**** sul film di Venom che mi hanno fatto perdere fiducia nel genere umano. Se potessi vi citerei anche le fonti, tanto per il gusto sadico di mettere alla gogna quei poveri mentecatti che hanno parlato male di un film che … tutto sommato funziona bene!

Quello che più mi addolora è che oggigiorno sempre più gente si attribuisce titoli che non ha e sfrutta i social, spesso youtube, ma non sono quello, per dire la loro.

Premetto: non sono contraria alla libertà di parola. Il mio appunto è più che altro di tipo pratico. Tanti guru di youtube hanno parlato a vanvera, limitandosi a dire che il film, non funziona, che si poteva fare di meglio, che è una vera schifezza, tutte impressioni personali che spacciano per verità assolute.

E io non ci sto!

Grazie a Dio vengo da una generazione dove pensare con la propria testa era ancora visto come “cosa buona”. Oggigiorno, ahimè, possiamo dire che sia “passato di moda”, ecco quindi che prodotti validi come Venom finiscono con essere ricoperti ingiustamente di merda. Ma perché? Tendenzialmente perché la gente fatica a capire la differenza tra: OGGETTIVO E SOGGETTIVO.

Ma andiamo nello specifico e analizziamo più nel dettaglio le critiche maggiori che vengono fatte al film e perché queste critiche sono chiaramente SOGGETTIVE. (E con questa recensione che sto facendo, spero, ripeto e sottolineo, spero di aiutarvi a capire la differenza così che in futuro possiate riconoscere una buona recensione da una pessima recensione). 

Dire che i primi 45 minuti di film sono noiosi perché troppo incentivati sulla vita di Eddie Brock è come dire che Gesù Cristo andava a mignotte e suonava Metal, vediamo il perché:

Il film comincia con un’astronave che cade sul pianeta Terra, prosegue con l’unico dei simbionti fuggito che tenta di trovare la base dove sono rinchiusi gli altri. Tra una scena e l’altra ci viene mostrato Eddie Brock. Essendo il protagonista, non potevano esimersi da metterci qualche scena con lui. Quindi dire che i primi e 45 minuti ci mostrano solo Eddie Brock è errato. Che poi, queste stesse persone mi aggiungono che Eddie Brock non è caratterizzato come personaggio. Ciò mi porta a chiedermi se questa gente sappia cosa cavolo voglia dire caratterizzare un personaggio?

Mi avvalo per un attimo del titolo di insegnante e vi spiego il significato, sperando, ovviamente, che voi lo sappiate già. Caratterizzare un personaggio vuol dire: raccontare, tramite quello che è lo stile di vita e le scelte dell’individuo, la sua personalità.

In quei 45 minuti, all’interno dei quali l’astronave cade sulla Terra (che sarebbe il pilot) e il simbionte che fa qualche strage durante la ricerca dei suoi amici, ci mostrano Eddie che amoreggia con la donna che ama e che desidera sposare. La sua bella casa, il suo lavoro, la moto che lo caratterizza. Tutto questo ci porta al momento più importante della sua vita: o fare l’intervista all’uomo più potete del mondo, (nel modo in cui il suo capo si aspetta), quindi un intervista “politicamente corretta”. Oppure fare la cosa giusta e smascherare il balordo che si nasconde dietro quella multi nazionale.

Eddie sceglie la verità perché fondamentalmente è un bravo ragazzo, ciò lo porta a perdere tutto. Nonostante la disgrazia, tenta di restare a galla, anche umiliandosi se necessario, e quando gli viene data la possibilità di riscattarsi, coglie l’occasione.

Qualcuno mi spieghi come tutto ciò può essere considerato un “non caratterizzazione del personaggio”?

Ma possibile che viviamo in un’epoca dove la gente non sa distingue concetti elementari come: non è stato caratterizzato con NON MI PIACE come è stato caratterizzato.

Il personaggio è caratterizzato così, se la sua indole non vi piace, pazienza!

Tra questi guru del cinema (cosi si definiscono) c’è anche qualche cretino che sostiene che nel film non viene spiegato come avviene l’unione tra il simbionte ed Eddie. Non sono così intelligente da credere di essere l’unica in grado di averlo capito, quindi mi chiedo: avete un canale youtube, con un numero importante di iscritti che, presumibilmente, pendono dalle vostre labbra e che sono pronti a credervi ciecamente (da un grande potere derivano grandi responsabilità) e vi permettere di fare video recensioni su film che chiaramente non avete capito.

Il legame tra Venom e Eddie, ma più generalmente tra gli umani e i simbionti, avviene tramite la compatibilità genetica. (Non penso che ci serva Piero Angela per capire cosa voglia dire: COMPATIBILITA’ GENETICA). Per assicurarsi che il concetto venga maggiormente recepito da chi guarda il film di Venom, viene spiegato ulteriormente che funziona come per i trapianti di organi.

Come è possibile che nel 2018 la gente ancora non sappia che i trapianti di organi possono causare dei rigetti? Ma soprattutto mi chiedo: se non lo sai perché non dici passa parola, invece di dire che nel film non viene spiegato solo per nascondere il fatto che TU non lo hai capito!

venom laboratori

E concludo attaccandomi come un gatto ai coglioni all’autrice di libri romance che mi ha bloccato su Facebook solo per avere reso nulla la sua recensione negativa sul film di Venom.

Lei criticava tanti punti, in particolar modo i seguenti:

1) Il fatto che durante il pilot del film l’astronave in caduta libera si incendia. Fa una battuta ridicola sostenendo che se brucia vuol dire che era fatta di materiale scadente. A me queste cose fanno cadere le braccia a terra, perché è cosa nota che tutto ciò che entra “male” nella nostra atmosfera si incendia. Un meteorite, un astronave. Ecc…

Perché esiste un metodo di atterraggio specifico che gli astronauti devono eseguire per rientrare sulla pianeta senza bruciarsi i peli del culo. Non mi reputo una persona così colta da aver avuto accesso a un informazione “non” di dominio pubblico, perciò come è possibile che ci sono persone che non lo sanno? E sopratutto come puoi pensare che chi ha girato il film, non lo sapesse. Perché la gente, oggigiorno, non riesce più a mettersi in discussione. Se io non so che 4+4 fa 8 è impensabile che lo sappiano gli altri. Non si accetta più che ci siano persone che sanno cose più di noi. VERAMENTE PATETICO!

2) La suddetta guru dei film Marvel fa un appunto sulla velocità con cui l’ambulanza arriva sul luogo dell’impatto, sostenendo che neanche le ambulanze che si trovano all’ospedale accanto alla sua casa siano cosi rapide.

Primo punto: il film non è ambientato in Italia.

Secondo punto: non c’è stato un incidente automobilistico. Una cazzo di astronave è precipitata sulla Terra. Ora come si può credere che colui che ha finanziato questa missione, che è proprietario di questa mega multinazionale, non abbia un ambulanza privata? 

Ma questa gente è svegli o sta ancora dormendo?!

Le ho fatto presente che dalla sala controllo potevano benissimo conoscere il luogo dell’impatto e quindi inviare l’equipe privata direttamente lì. Lei si è indignata, dicendomi che mi stavo inventando un escamotage per salvare la trama.

Dice di essere un autrice quindi dovrebbe ben sapere che l’ambulanza non ha niente a che vedere con quella che è la trama del film, se così non fosse che Dio ce ne scampi dal leggere i suoi romanzi.

Allora voglio dire una cosa, forse due: se le cose non le sapete, lasciate perdere. Se non siete capaci di distinguere la differenza tra ciò che è obbiettivamente fatto male con quello che oggettivamente non vi è piaciuto, non recensite, perché se a voi deve essere riconosciuto il diritto di parola, a chi fa bene il proprio lavoro deve essergli riconosciuto il merito. Mentre a te lettore, che mi auguro sei arrivato fin qui, ti consiglio di valutare sempre le cose con la tua testa, perché per ogni recensore bravo che non sa di esserlo, ce ne sono cento che pensano di avere i requisiti necessari.

A tutti gli amanti dell horror, che vogliono mettersi alla prova, ricordo il nostro contest a tema Halloween. Per maggior info cliccate sul banner qui sotto.

 

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments are closed.