Se potessi ti cancellerei di Francesca Baldacci

Se potessi ti cancellerei

di

Francesca Baldacci

Titolo: Se potessi ti cancellerei

Autore: Francesca Baldacci

Editore: goWare

Genere: Romance

Prezzo cartaceo: 11,19 €  Amazon

Prezzo ebook: 6,99 €  Amazon

 

Sinossi:

Virginia Morelli, Ginny per gli amici, alias “Miss Sorriso”, è da decenni la scrittrice italiana di romanzi rosa più amata dal grande pubblico. Stefano De Foschi, alias “lo Squalo”, critico televisivo molto quotato e seguito, è tra i suoi detrattori numero uno: non perde occasione per stroncare con crudeltà tutti i suoi romanzi. Tanta acredine, però, nasconde qualcosa: Ginny e Stefano sono stati compagni di scuola al liceo, tra i due c’è stata una storia d’amore e odio che è rimasta loro nel cuore, malgrado entrambi siano sentimentalmente impegnati.
Il set del programma “Nero Shocking”, condotto da Stefano, li vedrà di nuovo faccia a faccia, riattizzando un fuoco mai spento e il ricordo dell’estate nel villaggio turistico di Lignano Sabbiadoro, che li ha visti adolescenti insieme, li riporterà a sognare.

Prima di iniziare a parlarvi del romanzo, vorrei ringraziare nuovamente la scrittrice Francesca Baldacci e la casa editrice goWare per avermi omaggiato di una copia del libro.

“Se potessi ti cancellerei” è un romance molto “sweet”. Anche se Francesca Baldacci scrive in modo semplice e scorrevole, devo purtroppo ammettere che il mio interesse o, se preferite, coinvolgimento è stato altalenante.

La storia è semplice e tipica di un romance. Ma temo che quel che venga a manca sia proprio lo spessore. La scrittrice presenta al lettore i 2 protagonisti (Virginia e Stefano) in modo per me superficiale, pur avendo alle spalle una storia che a mio avviso la scrittrice avrebbe potuto approfondire.

Si racconta infatti di due persone che si conoscono ai tempi del liceo, hanno un brevissimo flirt e poi si ritrovano dopo molti anni ormai adulti e con un lavoro di successo. Anche i personaggi accanto a loro, soprattutto il compagno di Virginia Walter e suo figlio Giorgio non hanno avuto per me la giusta importanza nel romance.

Altri aspetti che mi hanno rallentato molto la lettura sono stati: il racconto minuzioso e per me inutile di alcune situazioni (sembrava di essere di fronte ad un copione di una telenovela) ed il ripetersi di alcuni concetti: Stefano non sopporta la “scrittura”, Virginia chiama lui “squalo”…

Ho apprezzato invece i ricordi di una gioventù ormai passata, con i primi batticuori, amore/odio per un compagno di classe, la tensione degli esami di 5^ superiore, le avventure di una estate.

Consiglio questo libro a chi vorrebbe leggere un romance leggero, in ricordo degli anni e amori ormai passati.

Se ti è piaciuta questa recensione leggi anche:

Come chi si aggrappa al filo dei ricordi di Sara Masvar

Il ragazzo di Marcus Malte

C’era in Atene una bella donna di Vittoria Longoni

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

No comments yet.

Lascia un commento