Nulla fallisce di Al

Nulla fallisce

di

Al

nulla fallisce di Al

Autore: Al

Titolo: Nulla fallisce

Editore: self

Genere: memoir

Costo ebookgratis

Costo cartaceo: /

Sinossi:

Un viaggio nel tempo intenso, doloroso, straniante, onirico, commovente; un self coaching involontario. Il racconto del protagonista si vive attraverso momenti, istantanee ed episodi che ricostruiscono le tracce del percorso per ammettere e accettare di essere gay prima, e amarsi e innamorarsi poi. Sullo sfondo, ma con un ruolo da coprotagonisti, canzoni, film, telefilm e romanzi contestualizzano il periodo tra 1983 e il 2011. È un romanzo intimo, il percorso di un’anima moderna.

recensione passionelibroblog

Nulla fallisce è diviso in 40 “momenti” significativi per lo scrittore che partono dall’età di 6 anni fino all’età adulta. La scrittura segue questo evolversi dell’età: semplice all’inizio e via via sempre più profonda anche se alcuni stralci li ho trovati di difficile comprensione; vi riporto quello che mi ha creato più difficoltà:

Se la nuova prof.ssa di lettere e storia sarà in qualche modo la luce, che mi farà tornare a credere che possedessi delle capacità, un angelo, altrettanto velocemente, comprese, prima di me, il suo pensiero. Volendo essere a tutti i costi il più bravo della classe non accetterà i miei voti, più alti dei suoi, in italiano e storia. Così quel ragazzo nuovo, arrivato quell’anno, che fino a quel momento mi aveva ignorato, si poserà sopra di me come un angelo caduto. 

Nulla fallisce è una storia che ha la pretesa si essere profonda intima: si parla del bullismo crudele esercitato, non soltanto dai coetanei ma anche dagli adulti, una crisi famigliare, tanto che la madre, oltre a non accorgersi delle cattiverie che subisce suo figlio a scuola, se ne approfitta di lui per ottenere qualcosa dal padre cattivo, violento. Ma tutto ciò viene narrato in modo poco coinvolgente.

Ci sono poi scene di sesso esplicito che posso capirle descritte nell’adolescenza, ma in età adulta ne avrei fatto a meno. Credo che il libro alcune volte sia noioso e scrivere più di 40 pagine per descrivere la scoperta e l’accettazione di sé in quanto ragazzo gay porti ad allontanare il lettore facendolo annoiare su un argomento importante. Peccato, poteva rivelarsi una buona storia, ma come ho detto manca di pathos e alcune descrizioni superflue annoiano.

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments are closed.