Non era vero di Clare Mackintosh

Non era vero

di

Clare Mackintosh

Clare Mackintosh non era vero

Titolo: Non era vero

Autore: Clare Mackintosh

Editore: DeA Planeta

Genere: Thriller

Prezzo ebook: 9.99 Amazon 

Prezzo cartaceo: 17.00 Amazon

 

 

 

Sinossi: 

Anna è sconvolta quando, a sette mesi di distanza dalla morte per suicidio del padre, sua madre sceglie di togliersi la vita nello stesso identico modo. Almeno, questo è quanto stabilisce la polizia. Ma qualcosa dentro Anna, innamorata del suo ex terapeuta e da poco divenuta mamma, si ribella all’evidenza. Nulla, nel passato della sua famiglia, giustifica un epilogo tanto drammatico. Trascorso qualche tempo dal nuovo lutto, Anna riceve un biglietto anonimo che sembra confermare i suoi sospetti. Tanto basta a spingerla a rivolgersi alla polizia nella speranza che il caso venga riaperto. L’unico disposto a darle ascolto, però, è Murray Mackenzie, poliziotto in pensione. Mackenzie, marito devoto di una donna che soffre di depressioni violente, si impegna a riaprire ufficiosamente il caso, convinto che solo nuovi e concreti indizi potranno persuadere i colleghi a prendere sul serio i dubbi di Anna…

Clare Mackintosh. Nata a Bristol è un autrice britannica che ha scritto diversi romanzi pubblicati in italia con la Dea Planeta libri. Mackintosh è stata in polizia dodici anni prima di dedicarsi a tempo pieno alla scrittura.

recensione passionelibroblog

Nella prima parte del libro Clare Mackintosh ci fa conoscere la vita dei personaggi; ogni capitolo del romanzo viene descritto alternando il punto di vista della protagonista, Anna, a quello del detective Murray Mackenzie. Questo mi ha permesso di conoscere tutte le emozioni dei vari personaggi descritti, le loro paure, le loro difficoltà, il loro modo di affrontare la vita, il lutto e il dolore.

Clare Mackintosh ci fa entrare nella vita di Anna, una neo mamma, alle prese ancora con il lutto per la morte dei suoi genitori. Ma allo stesso modo comprenderemo il carattere del poliziotto vecchio stampo, che si fida delle proprie sensazioni e che decide di indagare a fondo sulla vicenda.

Avvertiremo la sua empatia e la complessità di vivere con una donna che soffre di disturbo della personalità. Ma non tutto è ciò che sembra e già nella seconda parte del libro inizieremo a capire che quello che Anna e (anche noi) credevamo reale in realtà non lo è. Che ci sono molti segreti da svelare e che forse alcune volte è meglio non sapere. E anche quando inizieremo a pensare di aver capito tutto l’autrice si diverte a rimescolare tutta la storia fino a giungere ad una conclusione che non ci saremo mai aspettati.

Lo stile di scrittura dell’autrice è brillante, pieni di colpi di scena, scorrevole a tal punto che è impossibile smettere di leggere.

Se ti è piaciuta questa recensione leggi anche:

I racconti incantati di Gloria Donati

Recensioni, è giusto che vi chiedano soldi?

Ci vediamo un giorno di questi di Federica Bosco

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments are closed.