L’imprevedibile movimento dei sogni di F. Sangalli e F. Bozzetti

L’imprevedibile movimento dei sogni

di

F. Sangalli e F. Bozzetti

L'imprevedibile movimento dei sogni di F. Sangalli e F. Bozzetti

Titolo: L’imprevedibile movimento dei sogni

Autore: Francesca Sangalli e Fabrizio Bozzetti

Edizione: Dea Planeta Libri

Genere: Narrativa

Prezzo cartaceo: 14,45 €  Amazon

Prezzo ebook: 8,99€  Amazon

 

 

Sinossi:

Basta un attimo per cambiare tutto. Basta un attimo perché Isabella, diciassette anni, si schianti sulla terra rossa di un campo da tennis e si risvegli sotto le luci al neon del pronto soccorso. Non è la prima volta che sviene così, all’improvviso, e quindi non può essere dimessa. Per Isabella il ricovero nel reparto di pediatria è peggio di un incubo: gli esami continui, gli infermieri opprimenti e poi quella silenziosa compagna di stanza che passa il tempo a leggere libri. Eleonora è abituata ai ritmi dell’ospedale: è sempre stata malata, fin da quando ha la possibilità di ricordare. Conosce tutto e tutti lì dentro, conosce anche Daniela, una strana ragazza con un tatuaggio sul collo che se ne va in giro per il reparto canticchiando sempre la stessa canzone. Tra Isabella, Eleonora e Daniela nasce un’improbabile amicizia. Una simbiosi capace di valicare persino il confine tra la vita e la morte. Un’alleanza che le porterà a una scelta dura ed estrema e a scoprire la verità su loro stesse e sul proprio destino. Apprenderanno quanto crudele e meraviglioso sia crescere, in un viaggio visionario che in pochi, intensissimi giorni le renderà adulte. Tra fantastico e reale, epifanie e rivelazioni, atti temerari e addii, una corsa a perdifiato inaspettata, spaventosa e straordinaria. Come inaspettata, spaventosa e straordinaria può essere la vita stessa.

L’imprevedibile movimento dei sogni mi ha fatto subito ricordare la serie televisiva “Braccialetti Rossi” che ho molto apprezzato. In questo libro, però, le protagoniste sono tre ragazze che si incontrano all’ospedale, ognuna che combatte la propria “lotta” per la vita.

Sangalli e Bozzetti sono riusciti a far partecipare il lettore al ritmo lento e ripetitivo della vita dell’ospedale, senza però annoiarlo, ma coinvolgendolo pian piano alla “ribellione” di Isabella che pur mancando pochi mesi ai suoi diciott’anni, è costretta ad essere ricoverata in pediatria. Lei futura promessa del tennis, il cui unico scopo della vita è di arrivare a Wimbledon, imprigionata in quelle mura dove persone antipatiche (il personale) la costringono e la “drogano” per inutili esami. Qui sarà costretta a fermarsi, ad analizzare la sua vita e il suo rapporto con i genitori; qui verrà a contatto con la vera sofferenza, la vera battaglia per la vita.

La storia è raccontata in prima persona dal punto di vista di Isabella e questo facilita il lettore a immedesimarsi nella storia, approvando o meno i pensieri e le decisioni della protagonista. Frasi brevi, ma significative, descrizioni che possono apparire all’inizio inutili, ma che pian piano si comprende il loro scopo.

Un bel libro che consiglio a chi desidera una storia semplice ma profonda da leggere.

Se ti è piaciuta questa recensioni leggi anche:

Un bastardo per vicino – Il sequel di Alice Steward

Con tanto affetto ti ammazzerò di Pino Imperatore

Terre Deus Dominus di Marcello Iori

, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments are closed.