L’aggiustacuori di Francesco Sole

L’aggiustacuori

di

Francesco Sole

L'aggiustacuori di Francesco Sole

Titolo: L’aggiustacuori

Autore: Francesco Sole

Editore: Mondadori

Genere: Romance, Poesie

Prezzo ebook: Euro 9,99 Amazon

Prezzo cartaceo: Euro 14,45 Amazon 

 

Sinossi:

C’è un ragazzo speciale che di giorno aggiusta i telefonini e la sera scrive poesie mentre parla con le stelle. Per ascoltarle meglio ha montato un altalena sul tetto di casa sua. Loro lo chiamano “Piccolo Poeta” e ormai questo è diventato il suo nome. Il Piccolo Poeta ha un segreto: nel suo negozio lui non aggiusta solo i cellulari. Ad alcuni clienti, quelli più tristi e ammaccati, aggiusta anche la vita. Per compiere questa magia gli bastano cento poesie: non una di più, non un di meno. Una al giorno per cento giorni. Le invia sul cellulare di chi ne ha bisogno per aiutarlo a riflettere, per riordinare le sue priorità o riconquistare la fiducia smarrita; per fargli ritrovare l’amore, che sia per qualcuno, per se stesso o per la vita. Il Piccolo Poeta si accorge subito quando un cliente ha bisogno di essere salvato, dopotutto sono centinaia di anni che dal suo palazzo scrive poesie e aggiusta cuori. Lo capisce sbirciando dentro i loro cellulari, che come scrigni custodiscono pensieri, desideri, insomma le emozioni più intime e nascoste. Sceglie tutte persone che hanno bisogno di qualcosa ma non sanno precisamente di cosa, persone che posso fare delle sue poesie l’uso migliore. Usarle per vivere, amare, curarsi, innamorarsi, chiedere scusa. Eppure, anche lui ha bisogno di essere salvato. L’ha capito grazie a tre storie, tre vite che ha aggiustato e che, alla fine, incredibilmente, hanno aggiustato lui. Ha capito che deve partire per ritrovare la sua Anna, senza la quale non può più vivere. Prima di iniziare il suo viaggio, però, ci lascia queste cento poesie, che sono come una mappa, o delle istruzioni per ricostruirsi. Affinché anche noi possiamo usarle per aggiustarci, per capirci, per uscire dal bozzolo e diventare farfalle. E diventare la migliore versione di noi stessi.

recensione passionelibroblog

Abitualmente scelgo di leggere un libro se mi colpisce il titolo o se mi incuriosisce una copertina o, come terza opzione, apprezzo particolarmente l’autore. Questa volta è successa una cosa esattamente opposta, è stato questo libro a scegliere me!

Non conoscevo l’esistenza del romanzo “L’aggiustacuori” fino a quando la mia migliore amica non ha iniziato a parlarmene e a condividere con me alcuni estratti che mi hanno piacevolmente incantata al punto tale che l’ho comprato.

“L’aggiustacuori” è un romanzo sperimentale suddiviso in due parti, la prima parte è scritta in prosa e poi si trasforma in versi.

Tre storie scritte in modo molto semplice e scorrevole che introducono il lettore nel mondo del Piccolo Poeta, consentono di entrare in sintonia con lui, con i suoi personaggi e soprattutto con lo scopo che si è prefissato. (In realtà è proprio come se lui ti prendesse per mano per accompagnarti alle cento poesie che ti dona per aggiustarti il cuore). Le poesie sono completamente diverse tra loro per tipologia e metrica ma trattano tutte di argomenti profondi in modo eccellentemente delicato.

A mio parere è un libro da tenere a portata di mano!

Se ti è piaciuta questa recensione leggi anche:

Un’altra metà di Streusa

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments are closed.