Batticuore di Samantha L’Ile

Batticuore

di

Samantha L’Ile

batticuore

Titolo: Batticuore – serie Cuori 3

Autore: Samantha L’Ile

Genere: romanzo rosa

Editore: self publishing

Prezzo ebook: 2.99 kindle unlimited 

Prezzo cartaceo: /

Sinossi:

Sabrina è sola perché suo marito l’ha lasciata e stanca perché non riesce più a dormire la notte, ma non vuole mostrare la sua amarezza, soprattutto durante il matrimonio della sua migliore amica. Pronta a recitare e soffrire, è proprio alle nozze che incontra Gabriele, fratello della sposa e amico d’infanzia, che vive a Sydney e non vede da anni. Gabriele è cresciuto e molto cambiato, tranne per il fatto di avere un debole per lei. Sabrina è tentata dai suoi approcci seduttivi e ancor di più dalla proposta di una vacanza in Australia. Sorprendendo anche se stessa, parte con lui e inizia un viaggio alla scoperta di un nuovo continente e di un nuovo modo di vivere. Tra mille batticuori ci sarà tempo per divertirsi, esplorare, imparare e infine… Amare.

La serie Cuori include i romanzi autoconclusivi: “Coppia di cuori”, “Cuori coraggiosi” e “Batticuore”.

passionelibroblog

A Natale siamo tutti più buoni, perciò perché non parlare un pò di Samantha L’Ile e del suo batticuore.

Ciao Samantha e grazie di essere qui con noi. E’ un mese frenetico quello di dicembre, pieno di regali da dover comprare incartare gli abbondanti pranzi, insomma direi di non perdere altro tempo e incominciare subito dalla prima domanda: C’è un immagine/evento nella sua memoria che la riconduce al momento in cui ha deciso di voler diventare scrittore/scrittrice?

C’è un evento che risale alle scuole elementari, credo fossi in terza, quando la maestra elogiò e lesse il mio tema a tutta la classe. Parlava di uno dei miei giochi preferiti che consisteva nel creare pizze con fogli, sassi, fiori, ecc… Fu un bellissimo momento e più o meno da allora ho desiderato diventare giornalista. È stato un sogno lungo ma rimasto nel cassetto perché poi ho frequentato ingegneria e il mio lavoro “ufficiale” è un altro. Successivamente ho scritto il mio primo romanzo, “ Generazione magica” e il sogno si è realizzato.

Pensa mai ai lettori quando scrive?

Quando scrivo non penso ai lettori, non direttamente almeno. Ci sono io e le storie che mi girano in testa. Di solito prima di scrivere ho visualizzato più volte i personaggi e gli eventi come in un sogno ad occhi aperti.

Quali autori l’hanno formata e com’è arrivata a leggere quelle stesse opere che l’hanno ispirata?

Se parliamo di formazione devo tornare ai tempi della scuola quando mi obbligarono a leggere i classici. Alcuni li ho amati mentre altri sopportati a fatica, ma credo che ognuno mi abbia lasciato qualcosa. L’ispirazione arriva un po’ dappertutto e non è riconducibile a particolari libri. Mi piace scrivere storie d’amore e ne ho lette e tuttora divoro tantissime.

La storia è piena di libri che non sono stati subito compresi dai lettori. Quanto conta, oggi, l’apprezzamento dell’opera nel suo approccio al testo, e che rapporto ha con il rifiuto?

Desidero piacere ai lettori e regalare momenti di evasione, divertimento e romanticismo a chi ama il genere. Cerco di scrivere storie che mi piacerebbe leggere e so che non tutti le apprezzeranno. Il rifiuto mi intristisce, com’è naturale, ma lo accetto e cerco di trarne un insegnamento, se c’è.

Può descrivermi il suo metodo di lavoro?

La prima fase è concettuale: mi viene l’idea per la storia e comincio a ideare i personaggi, luoghi, eventi. Ci fantastico su parecchio poi quando il quadro è chiaro scrivo una scheda per ogni personaggio e una scaletta di capitoli. Di solito cerco di scrivere in serie ma capita di saltare avanti e indietro, ad esempio scrivere l’epilogo a metà stesura. La prima rilettura è dedicata a controllare tempistiche e filo logico dei fatti. Poi seguono altre riletture e modifiche, in numero variabile e tendente a infinito

Ha nuovi progetti? Può anticiparci qualcosa?

Ho appena pubblicato “Batticuore” che è il terzo romanzo autoconclusivo della serie Cuori. La mia prossima storia è in fase embrionale e racconta di una coppia di opposti, due persone che non hanno nulla in comune, ma che saranno uniti dalle difficoltà e troveranno un terreno comune perché, si sa, gli opposti si attraggono!

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments are closed.