8 film migliori dei libri da cui sono tratti

Anacleto consiglia: 8 film migliori dei libri da cui sono tratti.

anacleto consiglia

 

 

Per la rubrica: Anacleto consiglia oggi parliamo di quei libri che hanno ispirato film che si sono rivelati meglio della storia originaria.

Si tendere a credere che i film non potranno mai essere belli come i libri da cui sono tratti, e bisogna ammettere, che spesso è proprio così; ma le eccezioni ci sono sempre ed è sulla base di questi rarissimi casi che ho deciso di stilare la mia personale classifica.

Di seguito trovate quelli che, secondo me, sono gli otto film migliori dei libri da cui sono tratti, tenterò di spiegarvi le motivazioni che mi hanno spinto a fare questa scelta, sperando di risultare il più chiara possibile e il meno ridondante.

L’ordine con cui vi presento gli otto titoli è casuale, MA ATTENZIONE! LA SEGUENTE CLASSIFICA POTREBBE PRESENTARE DEI SPOILER.

 

Dracula di Bram Stoker.

dracula

Sebbene abbia amato tantissimo il libro di Bram Stoker, devo riconoscere che l’idea di inserire, nella versione cinematografica, la storia d’amore mi ha convinto. Non sono una persona di indole romantica ma ho trovato che personalizzare il Conte Dracula, mostrandolo per quello che, ciò vittima di se stesso, abbia reso giustizia alla storia. Lo so, Stoker voleva creare il cattivo senza redenzione, il male puro, ma devo dire che i cattivi senza un animo tormentato mi annoiano e non mi sembrano realistici.

 

 

Sherlock Holmes di Conan Doyle.

holmes

Molti mi odieranno per quanto sto per dire, ma il film con Robert Downey Jr. è un vera perla. Adoro l’atteggiamento irriverente e da latin-lover che è stato dato al personaggio poiché mi ha fatto ridere moltissimo, mentre le scene di avventura sono davvero cariche di adrenalina. Si vive la storia insieme ai protagonisti, sentendosi totalmente parte di essa, sensazione che non ho riscontrato con i libri dove mi ritrovavo a essere spettatrice di un Holmes saccente e noioso.

A volte ritornano e Tommyknocker di Stephen King.

a volte ritornano

Incredibile ma vero, si pensa sempre che le storie di Stephen King siano così belle che sia impossibile fare una trasposizione cinematografica che renda loro giustizia, (basti pensare al nuovo IT) eppure, non è sempre così.
Il primo titolo che vi ho citato è, con molta probabilità, il racconto più brutto che il Re abbia mai scritto. La rielaborazione dell’idea base, che non era niente male, ha dato vita a un film carico di sentimenti che ha poco a che vedere con l’horror scritto da King. Anzi la storia riportata nel film si concentra sull’amore, su quel legame fraterno spesso così forte che neanche la morte può dividere.

 

tommyknocker

Tommyknocker. Di questo libro c’è poco da dire eccetto, forse, il fatto che è così brutto che la trasposizione cinematografica non poteva essere peggio del romanzo. Pensate che lo stesso King, che ha ammesso di averlo scritto nel periodo in cui era totalmente dedito ad alcol e droghe, lo ha definito uno dei suoi romanzi peggio riusciti. Nonostante ciò il film funziona bene proprio perché sono stati tolti i grandi scivoloni che l’autore, fuori di se, ha fatto durante la stesura della storia. Rimane così un film di fantascienza nell’insieme godibile, emozionante e, diciamolo pure, con un finale commovente, oserei dire persino drammatico.

The Maze Runner di James Dashner.

the maze runner

Parlo del primo film della trilogia poiché è, per ora, l’unico che posso comparare con il romanzo. Il film si è rivelato adrenalinico e coinvolgente; chi non è saltato sulla sedia quando Tommy decide di passare in mezzo alle due pareti sul punto di chiudersi per aiutare i corridori in difficoltà? Peccato che messo a confronto con il libro, il romanzo risulti essere noioso, privo di suspance e con dei punti che pur non essendo incoerenti, faticano a ingranarsi tra loro, lasciando il lettore interdetto e con la sensazione di non aver capito nulla.

Io sono leggenda di Richard Matheson.

io sono leggenda

Ammetto di essere stata crudele a inserire questo titolo nella lista, perché il libro è un piccolo gioiello, con una morale e dei punti di riflessioni così intensi che mi hanno spinto a leggere anche altri libri dello stesso autore, ciononostante, il libro è eccessivamente monotono, cosa che non si può dire del film che, tra i tanti pregi, ha anche quello di dare una speranza alla razza umana, cosa che Matheson non fa nel romanzo.

Le cronache di Narnia di C.S. Lewis.

le cronache di narnia

Anche in questo caso siamo di fronte a un romanzo con un gran potenziale ma che non è stato messo completamente a frutto dall’autore, mentre il film, esaltando i pregi della storia e omettendo gli errori stilistici e di personalizzazione dei personaggi, ci ha permesso di godere a pieno della meravigliosa avventura dei figli di Adamo e delle figlie di Eva.

Dorian Grey di Oscar Wilde.

Dorian Grey

 

Di questa storia, in verità, ho amato entrambe le versione. Il romanzo è qualcosa di unico ma, mentre lo stile dell’autore rimanere immortale, la storia di Dorian Grey è figli dei suoi tempi. Con tutte le scene di nudo, con la pornografia a portata di mano, strip-club, sexy-shop e vivendo in una società in cui il sesso non è più considerato, non da tutti almeno, qualcosa di sporco, qualcosa di cui vergognarsi, il romanzo di Dorian Grey non riesce più a impressionare come, invece, fece ai tempi in cui venne pubblicato. Anzi visti i tempi moderni, probabilmente, lo stesso Grey arrossirebbe nel vederci vivere nella nostra quotidianità. Per questo ho amato il film, che pur non distaccandosi troppo dal libro, riesce a dare quel qualcosa in più che serve allo spettatore moderno per rendersi conto della depravazione del nostro protagonista.

 

Se ti è piaciuto questo articolo leggi anche:

6 cose da sapere se vuoi contattare una blogger

5 cose da fare se vuoi contattare un editore

 

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments are closed.